• Enzo Jannacci – El purtava i scarp de tennis (1964)* – Hommage …

      4 commenti

     

    Testo originale e traduzione di Gian Carlo Zanon

     

    Che scusé, ma mi vori cuntav
    d’un me amis che l’era anda a fa’l bagn
    sul stradun, per andare all’idroscalo
    l’era lì, e l’amore lo colpì.
    El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
    rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
    El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
    l’era il prim a mena via, perche’ l’era un barbun.
    Un bel dì, che l’era dré a parlà
    de per lu, l’aveva vista passà
    bianca e rossa, che pareva il tricolore
    ma po lu, l’è sta bon pù de parlà.
    El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
    rincorreva giù da tempo un bel sogno d’amore.
    El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
    l’era il prim a mena via, perché l’era un barbon.

     

    (parlato)Un bel di a che’l pover diavul che riva na machina, ven giu’ vun e domanda: “Ohe’!” “Chi a mi?” “Sì, a lu, savaria, savaria no per piaseé la strada per andare all’aeroporto Forlanini?” “No, signore non sono mai stato io all’aeroporto Forlanini, non lo so in due l’è.” “La strada per andare all’Idroscalo, almeno, la conosce?” Si, l’Idroscalo al so in dua l’e’, al meni mi all’Idroscalo, vengo su anch’io sulla macchina, è forte questa, e’ forte la macchina. “Lasa sta la machina barbon.” “No, signore vengo anch’io sulla macchina, non sono mai stato su una macchina io, Bella questa macchina…Ferma signore, che’l me lasa, che’l me lasa giò chi che sono arrivato, un piaseé che’l se ferma chi.

     

    (cantato) Un piaseé, ch’el me lasa gio’ chi
    che anca mi mi go avu il mio grande amore
    roba minima, s’intend, s’intend roba da barbon.
    El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
    rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
    El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
    l’era il prim a mena via, perche’ l’era un barbon.
    L’an truvà, sota a un much de carton
    l’an guardà che’l pareva nisùn
    l’an tuca chel pareva che’l durmiva
    lasa sta che l’è roba de barbon.
    El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
    el purtava i scarp de tennis, perchè l’era un barbun,
    el purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
    el purtava i scarp de tennis, perchè l’era un barbun…

     

    Traduzione

    Chiedo scusa, ma io voglio raccontarvi

    di un amico che era andato a fare il bagno

    sullo stradone, per andare all’idroscalo
    era lì, e l’amore lo colpì.

     

    E portava le scarpe da ginnastica , e parlava da solo
    rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
    E portava le scarpe da ginnastica , e aveva due occhi da buono
    era il primo ad essere portato via*, perché era un barbone

     

    * “Menà via  che letteralmente si traduce “essere portato via”, in dialetto gergale milanese significa “essere preso dalla polizia”

     

    Un bel giorno, mentre stava parlando
    tra sé e sé, l’aveva vista passare
    bianca e rossa, che sembrava il tricolore
    ma poi lui, non era riuscito a parlarle.

     

    E portava le scarpe da ginnastica , e parlava da solo
    rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
    E portava le scarpe da ginnastica , e aveva due occhi da buono
    era il primo ad essere portato via, perché era un barbone

     

    (parlato)

    Un bel giono il povero diavolo vede che  arriva una machina, scende un tizio e domanda:

    “Ohe’!”

    “Dice a me?”

    “Sì, a lei, saprebbe, saprebbe  per cortesia indicarmi la strada  per andare all’aeroporto Forlanini?” “No, signore non sono mai stato io all’aeroporto Forlanini, non lo so dov’è.”

    “La strada per andare all’Idroscalo, almeno, la conosce?”

    “Si, l’Idroscalo lo dov’è, lo porto io all’Idroscalo, vengo su anch’io sulla macchina, è forte questa, è forte la macchina”.

    “Lascia stare la macchina barbone.”

    “No, signore vengo anch’io sulla macchina, non sono mai stato su una macchina io, Bella questa macchina … ferma signore, mi lasci qua, mi faccia scendere che sono arrivato, per piacere si fermi, si fermi qui.

     

    (di nuovo cantato)

    Per piacere, mi lasci scendere qui
    che anch’io ho avuto il mio grande amore
    una cosa  minima, s’intende, s’intende roba da barbone.

     

    E portava le scarpe da ginnastica , e parlava da solo
    rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
    E portava le scarpe da ginnastica , e aveva due occhi da buono
    era il primo ad essere portato via, perché era un barbone

     

    L’hanno trovato, sotto ad un mucchio di cartoni
    l’hanno guardato … sembrava proprio nessuno
    l’hanno toccato … sembrava dormisse
    lascia stare, son cose da barbone.

     

    E portava le scarpe da ginnastica , e parlava da solo
    rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
    E portava le scarpe da ginnastica , e aveva due occhi da buono
    era il primo ad essere portato via, perché era un barbone

     

    Scrivi un commento