• Poesie … Julio Cortázar : “e quando penserò a te/ penserò un pensiero (…)”

      5 commenti

    cortazar_hole

    Il Futuro

    Lo so bene … non ci sarai.
    Non starai nella strada,
    nel mormorio che sgorga di notte
    dai pali che la illuminano,
    né nel gesto di scegliere il menù,
    né sorriso che allevia
    il “tutto completo” delle sotterranee,
    né nei libri prestati
    né nel “ci vediamo domani”.

    Nei starai nei miei sogni,
    nel destino originale
    delle mie parole,
    né in una cifra telefonica starai
    o nel colore di un paio di guanti,
    o in una sottoveste.

    Mi arrabbierò, amor mio,
    e non sarà per te,
    e comprerò dolci,
    ma non per te,
    mi fermerò nell’angolo,
    in cui non potrai vedermi,
    e dirò le parole che si dicono
    e mangerò le cose che si mangiano
    e sognerò le cose che si sognano
    e so bene che non ci sarai,
    né dentro il carcere

    dove ancora ti imprigiono,
    né la fuori, in quel fiume di strade
    e di ponti.

    Non ci starai per niente,
    non sarai nemmeno ricordo,
    e quando penserò a te
    penserò un pensiero
    che oscuramente
    cerca di ricordarsi di te.

    Traduzione: Gian Carlo Zanon

    El Futuro

    Y sé muy bien que no estarás.
    No estarás en la calle,
    en el murmullo que brota de noche
    de los postes de alumbrado,
    ni en el gesto de elegir el menú,
    ni en la sonrisa que alivia
    los completos de los subtes,
    ni en los libros prestados
    ni en el hasta mañana.

    No estarás en mis sueños,
    en el destino original
    de mis palabras,
    ni en una cifra telefónica estarás
    o en el color de un par de guantes
    o una blusa.

    Me enojaré amor mío,
    sin que sea por ti,
    y compraré bombones
    pero no para ti,
    me pararé en la esquina
    a la que no vendrás,
    y diré las palabras que se dicen
    y comeré las cosas que se comen
    y soñaré las cosas que se sueñan
    y sé muy bien que no estarás,
    ni aquí adentro, la cárcel
    donde aún te retengo,
    ni allí fuera, este río de calles
    y de puentes.

    No estarás para nada,
    no serás ni recuerdo,
    y cuando piense en ti
    pensaré un pensamiento
    que oscuramente
    trata de acordarse de ti.

    • ….meravigliosa…

      ps: Caro Giancarlo che tu sappia c’è un libro in italiano dove sono raccolte le sue poesie?

      Grazie Valerio

    • Ciao Valerio , c’è questo libro a con una prefazione di Antonio Tabucchi (e già questo ..) in cui scrive: «La letteratura di Cortázar indaga oltre il reale, nel mistero delle cose, come alla ricerca della loro essenza»

      Nel libro vi sono racconti, articoli, interviste, poesie. Gli inediti di questo libro sono un ultimo lascito del grande scrittore argentino. Ci sono alcuni racconti che stanno senz’altro in un’ideale antologia delle sue cose migliori, ma ci sono anche le sue opinioni teoriche sulla letteratura, le sue incursioni nel mondo delle arti figurative, del cinema e della fotografia, del jazz, e ovviamente il Cortázar politico . Un libro “strano”, una sorpresa per chi ama Cortázar.

      E poi c’è lo spettacolo di Angela Antonini e Paola Traverso leggi qui http://www.igiornielenotti.it/?p=26516

      G.D.B.

    Scrivi un commento