• Il senso delle parole: “lentezza”

      0 commenti

     

    di Gian Carlo Zanon

     

    Lentezza [ lat. lentitia(m) , da lěntus lento Lentezza = pieghevolezza, flessibilità, anche mancanza di energia, irresolutezza. Contrario di durezza intesa come inflessibilità.

     

    Allentare, piegare, moderare, prolungare. Si dice comunemente: “la cinghia è lenta”.

     

    ntus: pieghevole , flessibile.

    Lentos ponere fastus = deporre l’orgogliosa ostinazione

    Placido, tranquillo; addirittura insensibile (che non reagisce subito).

    Hannibalem lenti spectamus: Stiamo a guardare senza far nulla, Livio.

    Indifferenza apparente.

     

    Potremmo prendere alcuni di questi significati e tessere un elogio alla lentezza.

     

    Ad esempio: un’indifferenza apparente in un corpo “lento” può nascondere una mente energica e risoluta. Il prolungare può significare protrarre un incontro importante o procastinare … altro. La lentezza può essere l’immagine dello scorrere senza fretta del tempo tra due amanti che vivono un movimento interno trasformando il cronos, il tempo solare, in cairos il tempo giusto … giusto per loro. Possiamo parlare di lentezza come tempo irrazionale, che si lascia scivolare addosso, indifferente, la fretta e lo stress quotidiano. Ma anche di un “lento” movimento della realtà psichica che non asseconda né si adegua al tempo storico convenzionale perché sceglie i ritmi della propria realtà umana, magari ricreando quella dei primi mesi di vita. O perchè no, ricreare la lentezza di quando il nostro tempo non era ancora iniziato, o di quando, dopo la nascita, la “lentezza” delle braccia che ci avvolgevano diceva che era vero amore…

     

    Leggete qui Elogio alla lentezza, di Gian Carlo Zanon

    Il senso delle parole: articoli correlati

    Scrivi un commento