• Padri e patroni di Matteo Renzi: gestori di dio, finanza, corporations

      0 commenti

    i-poteri-forti-puntano-su-renzi

     

    Camusso denuncia: “Renzi è lì per volere di poteri forti”

    noi ce ne eravamo accorti molto tempo fa !!!!

    Matteo Renzi e la sua “Opera divina”

     

    Una magistrale inchiesta di Franco Fracassi e altri articoli svelano l’intreccio dei nomi che formano il lato oscuro di Renzi. E c’è poco da stare allegri perché, tra questi, ve ne sono di terribilmente inquietanti.

     

    Quando negli anni Ottanta Michael Ledeen varcava l’ingresso del dipartimento di Stato, al numero 2401 di E Street, chiunque avesse dimestichezza con il potere di Washington sapeva che si trattava di una finta. Quello, per lo storico di Los Angeles, rappresentava solo un impiego di facciata, per nascondere il suo reale lavoro: consulente strategico per la Cia e per la Casa Bianca. Ledeen è stato la mente della strategia aggressiva nella Guerra Fredda di Ronald Reagan, è stato la mente degli squadroni della morte in Nicaragua, è stato consulente del Sismi negli anni della Strategia della tensione, è stato una delle menti della guerra al terrore promossa dall’Amministrazione Bush, oltre che teorico della guerra all’Iraq e della potenziale guerra all’Iran, è stato uno dei consulenti del ministero degli Esteri israeliano.

    Oggi Michael Ledeen è una delle menti della politica estera del segretario del Partito democratico Matteo Renzi. Forse è stato anche per garantirsi la futura collaborazione di Ledeen che l’allora presidente della Provincia di Firenze si è recato nel 2007 al dipartimento di Stato Usa per un inspiegabile tour. Non è un caso che il segretario di Stato Usa John Kerry abbia più volte espresso giudizi favorevoli nei confronti di Renzi.

     

    Ma sono principalmente i neocon ad appoggiare Renzi dagli Stati Uniti. Secondo il “New York Post”, ammiratori del sindaco di Firenze sarebbero gli ambienti della destra repubblicana, legati alle lobby pro Israele e pro Arabia Saudita. In questa direzione vanno anche il guru economico di Renzi, Yoram Gutgeld, e il suo principale consulente politico, Marco Carrai, entrambi molti vicini a Israele.

    Carrai ha addirittura propri interessi in Israele, dove si occupa di venture capital e nuove tecnologie. Infine, anche il suppoter renziano Marco Bernabè ha forti legami con Tel Aviv, attraverso il fondo speculativo Wadi Ventures e, il cui padre, Franco, fino a pochi anni fa è stato arcigno custode delle dorsali telefoniche mediterranee che collegano l’Italia a Israele.

     

    Forse aveva ragione l’ultimo cassiere dei Ds, Ugo Sposetti, quando disse: «Dietro i finanziamenti milionari a Renzi c’è Israele e la destra americana». O perfino Massimo D’Alema, che definì Renzi il terminale di «quei poteri forti che vogliono liquidare la sinistra».

     

    Dietro Renzi ci sono anche i poteri forti economici, a partire dalla Morgan Stanley, una delle banche d’affari responsabile della crisi mondiale. Davide Serra entrò in Morgan Stanley nel 2001, e fece subito carriera, scalando posizioni su posizioni, in un quinquennio che lo condusse a diventare direttore generale e capo degli analisti bancari. La carriera del giovane broker italiano venne punteggiata di premi e riconoscimenti per le sue abilità di valutazione dei mercati. In quegli anni trascorsi dentro il gruppo statunitense, Serra iniziò a frequentare anche i grandi nomi del mondo bancario italiano, da Matteo Arpe (che ancora era in Capitalia) ad Alessandro Profumo (Unicredit), passando per l’allora gran capo di Intesa-San Paolo Corrado Passera.

     

    Nel 2006 Serra decise tuttavia che era il momento di spiccare il volo. E con il francese Eric Halet lanciò Algebris Investments. Già nel primo anno Algebris passò da circa settecento milioni a quasi due miliardi di dollari gestiti. L’anno successivo Serra, con il suo hedge fund, lanciò l’attacco al colosso bancario olandese Abn Amro, compiendo la più importante scalata bancaria d’ogni tempo. Poi fu il turno del banchiere francese Antoine Bernheim a essere fatto fuori da Serra dalla presidenza di Generali, permettendo al rampante finanziere di mettere un piede in Mediobanca.

    Definito dall’ex segretario Pd Pier Luigi Bersani «il bandito delle Cayman», Serra oggi ha quarantatré anni, vive nel più lussuoso quartiere di Londra (Mayfair), fa miliardi a palate scommettendo sui ribassi in Borsa (ovvero sulla crisi) ed è il principale consulente finanziario di Renzi, nonché suo grande raccoglitore di denaro, attraverso cene organizzate da Algebris e dalla sua fondazione Metropolis.

     

    E così, nell’ultimo anno il gotha dell’industria e della finanza italiane si sono schierati uno a uno dalla parte di Renzi. A cominciare da Fedele Confalonieri che, riferendosi al sindaco di Firenze, disse: «Non saranno i Fini, i Casini e gli altri leader già presenti sulla scena politica a succedere a Berlusconi, sarà un giovane». Poi venne Carlo De Benedetti, con il suo potentissimo gruppo editoriale Espresso-Repubblica : «I partiti hanno perduto il contatto con la gente, lui invece quel contatto ce l’ha». E ancora, Diego Della Valle, il numero uno di Vodafone Vittorio Colao, il fondatore di Luxottica Leonardo Del Vecchio e l’amministratore delegato Andrea Guerra, il presidente di Pirelli Marco Tronchetti Provera con la moglie Afef, l’ex direttore di Canale 5 Giorgio Gori, il patron di Eataly Oscar Farinetti, Francesco Gaetano Caltagirone, Cesare Romiti, Martina Mondadori, Barbara Berlusconi, i banchieri Fabrizio Palenzona e Claudio Costamagna, il numero uno di Assolombarda Gianfelice Rocca, il patron di Lega Coop Giuliano Poletti, Patrizio Bertelli di Prada, Fabrizio Palenzona di Unicredit, Il Monte dei Paschi di Siena, attraverso il controllo della Fondazione Montepaschi gestita dal renziano sindaco di Siena Bruno Valentini, e, soprattutto, l’amministratore delegato di Mediobanca Albert Nagel, erede di Cuccia nell’istituto di credito.

     

    Proprio sul giornale controllato da Mediobanca, “Il Corriere della Sera”, da sempre schierato dalla parte dei poteri forti, è arrivato lo scoop su Monti e Napolitano, sui governi tecnici. Il Corriere ha ripreso alcuni passaggi dell’ultimo libro di Alan Friedman, altro uomo Rcs. Lo scoop ha colpito a fondo il governo Letta e aperto la strada di Palazzo Chigi a Renzi. Il defunto segretario del Psi Bettino Craxi diceva: «Guarda come si muove il Corriere e capirai dove si va a parare nella politica». Gad Lerner ha, più recentemente, detto: «Non troverete alla Leopolda i portavoce del movimento degli sfrattati, né le mille voci del Quinto Stato dei precari all’italiana. Lui (Renzi) vuole impersonare una storia di successo. Gli sfigati non fanno audience».

    18 febbraio 2013

     

    foto Renzi

    Il Sole 15.1.4

    Marco Carrai, l’America e l’Opus Dei

    Chi è l’uomo-ombra del renzismo

    di Claudio Gatti

    Per Matteo Renzi, e per gli altri amici è Marchino, un vezzeggiativo amichevole dovuto anche alla sua gracilità. Ma il peso specifico di Marco Carrai è inversamente proporzionale alla sua statura, perché da sempre è il collaboratore di maggior fiducia del nuovo segretario del Partito democratico.
    Eppure di questo 38enne di Greve in Chianti si sa piuttosto poco. Schivo di natura, Carrai tende a evitare i contatti con i media. Solo con notevole sforzo, Il Sole 24 Ore è riuscito a convincerlo non solo a parlarci di sé ma anche di scrivere quello che ci avrebbe detto.
    Abbiamo così saputo che da ragazzo ha trascorso ben otto anni in un letto d’ospedale. E che in quel periodo ha sviluppato un fortissimo senso di lealtà per alcune persone, che gli sono state vicine e lo hanno sostenuto negli anni di malattia. A partire da Matteo Renzi. «La sua amicizia mi ha salvato la vita», dice.


    Ma veniamo alle sue attività pubbliche. Negli anni della presidenza della Provincia di Firenze Carrai è stato capo della segreteria di Renzi e consigliere della Florence Multimedia, la società di comunicazione che gli ha fatto da trampolino di lancio mediatico (secondo la Corte dei Conti anche a spese dei contribuenti fiorentini), poi responsabile della campagna elettorale, fondatore del think tank del renzismo, la “Fondazione Big Bang”, e consigliere comunale. Con il tempo sono arrivate le cariche più pesanti: consigliere dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, amministratore delegato di Firenze Parcheggi, presidente di Aeroporto di Firenze Spa. Oltre a quelle di membro del Cda della Banca di Credito Cooperativo di Impruneta e della Banca di Credito Cooperativo del Chianti fiorentino.

    Fin qui le cariche pubbliche. Ma Carrai non è solo il consigliori del politico su cui poggiano le speranze di molti italiani, è anche un imprenditore. Quindi conduce affari per se stesso. E ha accumulato varie cariche private: consigliere di Cki Srl, presidente di Cambridge Management Consulting Srl, direttore generale di Your Future Srl e socio di quest’ultima, della menzionata Cambridge, di D&C Srl, Panta Rei Srl, ItalianRoom Srl, Imedia Srl, Car.Im Srl e indirettamente anche di C&T Crossmedia Srl. Fin qui in Italia.

    All’estero è socio di Wadi Ventures Management Company Sarl, società registrata in Lussemburgo comproprietaria di Wadi Ventures Sca, altro veicolo lussemburghese al quale Carrai partecipa come membro del Consiglio di sorveglianza, e a sua volta omonimo di un fondo di investimento israeliano lanciato da un suo socio.
    In termini puramente quantitativi – di accumulazione di cariche o, se si preferisce, di sovrapposizione di ruoli – il suo metodo sembra insomma quello tradizionale del melius abundare quam deficere.
    Passiamo ai comportamenti. «Quando venne la prima volta all’assemblea dei soci dell’Ente Cassa di Risparmio, Carrai si presentò dicendo che Renzi era come un fratello per lui», ricorda un socio. «Il discorso non fu accolto bene. Anzi, fu considerato un passo falso. Perché all’Ente Cassa abbiamo almeno la pretesa di essere indipendenti e quella frase fu interpretata, forse a torto, come il preavviso di una maggiore politicizzazione. Non si deve infatti dimenticare che l’Ente dispensa circa 25/30 milioni all’anno che, in una realtà piccola come la nostra, non è poco».

    L’Ente Cassa non è solo un dispensatore di fondi. È anche un importante azionista di Banca Intesa Sanpaolo. E qui gli intrecci non mancano. Perché Jacopo Mazzei è stato nominato nel Consiglio di Sorveglianza di Intesa. Così come Francesco Bianchi, ex dirigente di banca e consulente, che assieme al fratello Alberto è amico sia di Carrai sia di Renzi. Mentre nella sua veste di imprenditore privato, Carrai è diventato socio in Italia e/o in Lussemburgo di due ex alti dirigenti di Intesa.
    Tra i soci del trentottenne di Greve ci sono anche due persone vicinissime a Franco Bernabé, manager di Stato per eccellenza, oggi senza poltrona eccellente. Ci riferiamo al socio di Carrai in C&T Crossmedia, Chicco Testa, ex presidente dell’Enel da anni legato da amicizia e affari a Bernabé. E a Marco Norberto Bernabé, figlio di Franco, che con il veicolo di famiglia FB Group ha investito in Cambridge Management Consulting, in YourFuture e nel fondo israeliano Wadi Ventures (di cui è socio fondatore un veterano dell’Unità 8200, il servizio di signal intelligence delle forze armate israeliane, l’equivalente della Nsa americana).

    Che anche su questo fronte, i rapporti di affari si intreccino con quelli “politici” lo dimostra l’elenco dei finanziatori della Fondazione Bing Bang, il think tank renziano costituito dallo stesso Carrai nel febbraio 2012. Oltre ai 10mila euro di Jacopo Mazzei, spuntano infatti i 10mila di E.Va. Energie, società di cui Chicco Testa è presidente e FB Group azionista (al 18,60%), e altrettanti della Telit, anch’essa gestita da Testa, storicamente partecipata da FB Group attraverso il veicolo Boostt BV e, attraverso altri veicoli, anche da Massimo Testa, fratello di Chicco.
    Insomma, nella vasta rete di contatti che Carrai ha costruito in questi ultimi anni, distinguere quelli attribuibili alla politica da quelli attribuibili agli affari personali non pare facile.
    Abbiamo dunque chiesto lumi.
    Quando si tratta con lei, come si fa a capire se si sta trattando con il più stretto collaboratore del candidato alla guida del Paese, con un manager pubblico, oppure con un imprenditore privato?
    «Non ho capito di cosa sta parlando, scusi?»
    Quando si ha lei come interlocutore, come si fa a capire in quale veste lei interloquisce?
    «Quando io parlo dell’aeroporto di Firenze interloquisco come presidente dell’Aeroporto di Firenze, quando parlo dei miei business privati interloquisco come imprenditore. Non voglio conflitti di interessi nemmeno a diecimila miglia: nessuna delle mie aziende ha mai lavorato per il Comune o per l’Aeroporto di Firenze. Mi attengo alle leggi italiane, a quello che dovrebbero fare tanti italiani e a quella che è la mentalità americana».

    Parlando di mentalità americana sul conflitto d’interesse, non trova inopportuno ricevere denaro con la mano destra in quanto socio-fondatore della Fondazione Big Bang e con la mano sinistra in quanto socio-fondatore di Cambridge Management e YourFutures. Magari dalle stesse persone?
    «Che? Scusi, ma cosa dice? Da chi avrei ricevuto soldi io?»

     

    Dai finanziatori di Fondazione Bing Bang e dagli investitori di Cambridge e YourFuture.
    «Ma che dice? Cambridge Consulting e YourFuture sono società di consulenza… non ricevo soldi».
    Sono entrati dei soci, che hanno investito dei soldi. E le stesse persone hanno messo dei soldi nella Fondazione.
    «Io non vado a vedere le visure camerali… non mi competono queste cose. A me compete assicurarmi che tra i miei soci non ci siano dei delinquenti… E’ un reato quello che sto facendo? No».
    Noi parlavamo di potenziali conflitti di interesse, non di reati. E su quello, in America, vige un motto: better safe then sorry – traducibile in meglio circospetti che pentiti.

    A parte la politica, l’amministrazione pubblica e gli affari, c’è la sfera religiosa. Marco Carrai appartiene a una famiglia profondamente cattolica, nella quale è consuetudine andare a Lourdes o farsi il segno della croce prima di mangiare. Profondamente cattolico anche lui, oltre all’Azione cattolica, è da sempre vicino a organizzazioni spesso associate al potere temporale. Ci riferiamo alla Compagnia delle Opere, braccio economico di Comunione e Liberazione (che in Toscana ha avuto suo cugino Paolo tra i fondatori) e all’Opus Dei.
    Sulla scena politica italiana l’Opera si è affacciata in vari modi. Il contributo che probabilmente ha avuto l’impatto più significativo l’ha dato favorendo l’incontro tra Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi. «La mia formazione è legata all’Opera, che lascia un’impronta indelebile sugli uomini che ha formato», ha spiegato il senatore co-fondatore di Forza Italia in un’intervista a La Stampa. «Cominciai a frequentare la loro residenza universitaria. Direttore era (…) un sacerdote dell’Opera (…) che aveva fatto l’università con un giovane di cui mi parlò molto bene, Silvio Berlusconi. Mi diede il suo numero e mi disse: “Se vai a Milano chiamalo, è un ragazzo in gamba”». Il resto è storia. Politica e non.
    Vari articoli di giornale hanno associato Carrai all’Opera. Gli abbiamo perciò chiesto se ne è membro.


    «No!», ha risposto pronto.
    Che rapporti ha con l’Opus Dei?
    «Che rapporti ho con l’Opus Dei??? Zero!».
    Nella sua pagina personale del sito LinkedIn, oltre alle cariche pubbliche, viene citata solo Artes, un’associazione dell’Opus Dei. Come mai?
    «Artes è una bella cosa, io conosco il direttore… come conosco tante altre persone».

    In occasione dell’uscita del film tratto dal bestseller di Dan Brown Il Codice da Vinci, Carrai ha sentito l’urgenza di intervenire a difesa di un’istituzione che riteneva ingiustamente bistrattata. Da un romanzo. E dopo aver ingaggiato due studiosi italiani e un sacerdote dell’Opus Dei, ha curato la pubblicazione di un libello di rettifica intitolato Codice da Vinci: bugie e falsi storici. Gli abbiamo chiesto il motivo.
    «In ospedale ho letto tanti libri. Incluso quello di Brown», ha risposto. «E ho trovato che diceva una marea di cazzate».
    Che sapeva lei dell’Opus Dei per arrivare a questa conclusione?

    «C’erano scritte cose talmente strane che mi sembravano cavolate… sembravano il peggio del peggio che c’era al mondo… Io alcune persone dell’Opus Dei le conoscevo… il mio professore… uno dei miei professori di economia era dell’Opus Dei, e le assicuro che era una delle persone più buone che abbia mai incontrato in vita… che più mi ha aiutato quando ero in ospedale. E quindi pensai di fare un libretto contro. Punto. Io non sono mai stato dell’Opus Dei. E probabilmente non lo sarò mai».

    cgatti@ilsole24ore.us


    kim-hun

    Il Sole 15.1.14


    Tra diplomazia e intelligence. Chi sono Browne e Ledeen


    I due consiglieri atlantici (e opposti) del sindaco

    di C. G.

    Matteo Renzi e il suo collaboratore Marco Carrai amano molto l’America. E nella vasta rete di contatti che vi hanno costruito spiccano due figure quasi opposte: Matt Browne e Michael Ledeen.
    Browne ha 41 anni, è stato uno dei più stretti collaboratori di Tony Blair in Gran Bretagna e ora fa parte del più vivace think tank neo-progressista americano assieme a John Podesta, l’ex braccio destro di Bill Clinton recentemente ingaggiato da Barack Obama come consigliere.
    Attraverso il filtro di Carrai, Browne ha introdotto Renzi a Blair, al fratello dell’attuale leader del partito Labour britannico David Miliband e a molti democratici americani.
    Michael Ledeen invece ha 73 anni e ha lavorato nelle Amministrazioni di Ronald Reagan e di George W. Bush distinguendosi in entrambi i casi per le sue iniziative da freelance dell’intelligence. La prima è consistita nello scambio tra missili e ostaggi con l’Iran di Khomeini, un’operazione clandestina passata alla storia con il nome di Irangate. Una commissione di inchiesta parlamentare la definirà “episodio imbarazzante” ed “esemplare dei rischi di iniziative fuori dai canoni”. Anche perché che l’iraniano individuato e patrocinato da Ledeen come perno dell’intera operazione, Manucher Ghorbanifar, era risultato un inaffidabile faccendiere e acclarato bugiardo.

    Quindici anni dopo, il nome di Ledeen è riemerso in un’altra inchiesta parlamentare su un’altra operazione da lui escogitata. Parliamo di un “summit” segreto organizzato a Roma nell’ottobre del 2011 tra due funzionari del Pentagono e i vertici del Sismi per valutare un’operazione di spionaggio in Iran. E chi era il perno di quell’operazione? Ghorbanifar. Ça va sans dire che quell’iniziativa aveva un costo – 25 milioni di dollari. E che è finita nell’elenco degli “episodi imbarazzanti”.
    Insomma, a Ledeen la serenità della torre d’avorio non è sembrata mai bastare. E ha sempre dimostrato una particolare attrazione per il mondo dei servizi segreti. Incluso quelli italiani. Nel 1980 è stato anche al servizio di Giuseppe Santovito, il generale pidduista all’epoca capo del Sismi. Negli stessi anni, ha inoltre coltivato altre due amicizie di peso. Con Bettino Craxi e Francesco Cossiga.

    Non resistiamo alla tentazione e chiediamo allo stesso Ledeen: «Che senso ha per qualcuno che dice di voler cambiare tutto nella politica italiana chiedere consigli a chi, come lei, li scambiava 30 anni fa con Craxi e Cossiga? Scusi, ma lei è il vecchio, non il nuovo».
    «È vero», ammette prontamente Ledeen con quella punta di autoironia che lo contraddistingue.
    Chiediamo poi a Browne cosa pensa del fatto che quando è a Washington Renzi passi da un progressista come lui a un neocon come Ledeen. «Quando un politico straniero con grandi ambizioni visita Washington è giusto che stabilisca rapporti con tutte e due le parti politiche. Ma gli incontri di quel genere sono diversi da quelli in cui si scambiano idee, valori e modi di far politica. Dubito che discuta di queste cose con conservatori».

     

    Chiediamo allora a Ledeen di che cosa parla con Renzi. «Delle cose che forse mi illudo di conoscere – Medio Oriente, Russia, chi sale e chi scende nella scena politica americana».
    E Renzi cosa le dice?
    «Quando siamo insieme per lo più mi fa domande… Ma se continuiamo a parlare vuol dire che le mie risposte gli vanno bene».
    Abbiamo chiesto chiarimenti anche a Carrai. «A me piace andare a capire l’intelletto delle persone. Ledeen è una persona intellettualmente viva… come ce ne sono altre diecimila».
    Il punto è quello: Perché proprio Ledeen?
    «Penso di saper scegliere le persone…»
    Sapeva di Michael Ledeen e del generale Santovito?
    «Chi è il generale Santovito?»
    L’ex capo del Sismi.
    «Non so chi sia… e questo è a riprova del fatto che con Michael Ledeen non ci sono rapporti oscuri, come qualcuno vuole insinuare».
    Veramente questo prova soltanto che lei non sa chi è Michael Ledeen.
    «Quando viene in Italia e mi chiama, lo saluto volentieri (…) è un rapporto di natura amicale e intellettuale».
    Carrai parla di pura curiosità intellettuale. Ma il Sole 24 Ore ha trovato un episodio in cui, di fatto, la condivisione di idee c’è stata.
    Agli inizi del 2011, con Bengasi in subbuglio ma Gheddafi ancora saldo al potere a Tripoli, in un suo blog del 19 febbraio Ledeen scrisse: “Dal Medio Oriente al Sud America il popolo sta chiedendo un cambiamento rivoluzionario… Sentiamo la voce dell’insurrezione democratica. Se riuscisse a prevalere, potrebbe essere l’inizio di una rivoluzione democratica su scala globale”. Il 23 febbraio si espresse più chiaramente intitolando il suo pezzo “Bomb Libya”.

     

    Il giorno successivo Carrai inviò una lettera aperta a La Repubblica nella quale formalmente si invitavano i lettori a sottoscrivere un “fondo di solidarietà” a favore dei rivoltosi libici, ma che di fatto invocava un intervento europeo: “Siamo di fronte a una rivoluzione planetaria (…) l’Europa non può in nome di una realpolitik fingere una diplomatica neutralità abbandonando alla morte coloro che combattono per la libertà”. E con entusiasmo molto ledeeniano, o forse garibaldino, ma certamente poco cattolico, concludeva: “Se nel Risorgimento ci fossero stati attendismi e non la gioiosa e irruenta forza di giovani liberi oggi non ci sarebbe l’Italia”.

     

    Il problema è che adesso non c’è più la Libia, e che il primo fornitore di petrolio dell’Italia e il terzo di gas naturale non riesce più ad estrarre petrolio e pompare gas come prima.
    Per Ledeen conta poco. Lui sta in America, dove grazie al metodo estrattivo del fracking c’è un nuovo boom gas-petrolifero. E dove si tiene occupato cercando di mandare a monte l’accordo di Ginevra con l’Iran. Affinché, come ha scritto, «l’Occidente dimostri di essere veramente pronto a sfidare il regime di Teheran». Magari con una forza armata. Gioiosa e irruenta, ovviamente.

    leggete anche questo articolo del FattoQ

    Articoli Correlati

    Scrivi un commento