• Le mille e una notte di Scheherazade (testo)

      0 commenti

    Jean-Dominique Ingres3

    Le Mille e una notte

    Novelle arabe

     –

    Introduzione

     

    Le cronache dei Sassaiani, antichi Re di Persia, riferiscono esservi stato un Re il quale era amato dai sudditi per la sua saviezza e temuto dai vicini per la fama del suo valore. Aveva due figli: il primogenito si chiamava Schahriar, e l’altro aveva nome Schahzenan.

    Dopo un regno lungo e glorioso morì questo Re, e Schahriar salì sul trono. Schahzenan fu obbligato di vivere come un semplice privato; ben lontano di mirare con invidia la buona sorte del fratello maggiore, pose invece tutto il suo studio a piacergli

     

    Schahriar fu contentissimo della sua compiacenza e, per dargliene una prova, volle dividere con lui i suoi Stati, cedendogli il regno della Tartaria, del quale Schahzenan andò subito a prender possesso, stabilendo il suo soggiorno in Samarcanda, che ne era la capitale.

    Erano scorsi due anni dacché questi Principi viveva no separati, quando Schahriar bramando sommamente rivedere suo fratello, risolvette spedirgli un ambasciatore per invitarlo a venirlo a trovare.

    A questo fine deputò il suo primo Visir, il quale partì con un seguito conveniente alla sua dignità. Giunto il Visir a Samarcanda, il Re di Tartaria lo accolse con grandi dimostrazioni di allegrezza, e gli domandò subito notizie del Sultano suo fratello. Il visir appagò la sua cu riosità, e poscia gli espose la cagione della sua ambasciata.

    — Savio Visir — gli disse — il Sultano mio fratello non poteva propormi cosa che tornar mi potesse maggiormente gradita. S’egli brama rivedermi sono egualmente stimolato dallo stesso desiderio. Il mio Regno è tranquillo, e non domando che dieci soli giorni per mettermi in istato di partire con voi; vi prego di fermarvi in questo luogo, e farvi alzar le vostre tende.

     

    Mentre Schahzenan disponevasi a partire, stabilì un consiglio per governare il suo regno durante la sua lontananza, eleggendo a capo del medesimo un ministro, nel quale aveva una intera fiducia. Sulla fine de’ dieci giorni, dicendo un addio alla Regina sua moglie, uscì verso sera da Samarcanda, ed accompagnato dagli ufficiali che lo dovevano seguir nel viaggio, andò al padiglione reale, che aveva fatto innalzare vicino alle tende del Visir. Si trattenne con quell’ambasciatore fino a mezzanotte, e volendo ancora una volta abbracciare la Regina, ritornò nel suo Palazzo, incamminandosi direttamente all’appartamento di quella Principessa, la quale, non aspettandosi di rivederlo, aveva ammesso nella sua camera uno dei servitori più intimi di sua casa.

     

    376849_457843857573931_728514628_n

     

    Il Re entrò senza strepito, ma qual non fu la sua meraviglia quando allo splendore dei lumi, vide un uomo nella stanza di lei? Restò immobile per qualche momento, non sapendo se dovesse credere ai suoi occhi, ma non potendo dubitare esclamò fra sé:

     

    Come! non appena uscito dal mio palazzo si ardisce di oltraggiarmi? Ah! perfidi, il vostro delitto non rimarrà impunito!

    Sguainata la sciabola, si avvicinò ai due colpevoli, e in un attimo li fece passare dal sonno alla morte, e, prendendoli poi l’uno dopo l’altro li gettò da una finestra in un fosso.

    In tal maniera vendicatosi, uscì dalla città, ritirando si sotto il suo padiglione. Non appena vi fu giunto, comandò che fossero levate le tende. Fu subito posto in ordine ogni cosa, e non era ancora giorno quando tutti si posero in cammino.

     

    Giunto ch’ei fu col Visir ed il loro seguito vicino alla capitale delle Indie, vide venirgli incontro il sultano Schahriar con tutta la sua Corte. Può figurarsi il giubilo di questi Principi nel rivedersi!

    Il Sultano condusse il Re suo fratello al Palazzo, che aveva fatto apprestare, il quale per mezzo di un giardino comunicava col suo.

    Schahriar lasciò tosto il Re di Tartaria, per dargli agio di entrare nel bagno e di mutarsi di abito: ma tosto che seppe esserne uscito venne a ritrovarlo. Essi si adagiarono sopra un sofà, ed essendosi i cortigiani allontanati, i due Principi cominciarono a intrattenersi soprattutto ciò che due fratelli, uniti più dall’amore che dal sangue, hanno a dirsi dopo una lunga assenza.

    Venuta l’ora di cena, mangiarono insieme, poscia ripigliarono la loro conversazione, la quale durò fino a tanto che Schahriar si ritirò per lasciar riposare suo fratello.

    L’infelice Schahzenan si pose a letto: ma l’infedeltà della Regina si presentò così vivamente alla sua immaginazione, che, non potendo addormentarsi, si alzò e dandosi interamente in balìa ai suoi dolorosi pensieri, comparve sopra il suo sembiante una profonda impressione di tristezza, che il Sultano non poté non osservare.

    —  Che ha mai il Re di Tartaria? Forse si vede egli contro sua voglia lontano dai suoi Stati, o dalla Regina sua moglie? Ah! se è questo che l’affligge, gli farò tosto i regali che gli ho destinati, affinché a suo piacimento possa partire alla volta di Samarcanda.

    Infatti la mattina seguente gli mandò quanto le Indie producono di più raro, di più ricco e di più singolare, non tralasciando di far tutto il possibile onde divertirlo: ma le feste più deliziose invece di rallegrarlo, non facevano che aumentare i suoi dispiaceri.

     

    vincenzo-marinelli-il-ballo-dell-ape-nell-harem-b

     

    Un giorno avendo Schahriar ordinata una caccia, in un paese ove particolarmente abbondavano i cervi, Schahzenan lo pregò di dispensarlo di accompagnarlo, allegando per scusa che lo stato della sua malferma salute non gli permetteva godere di un tal piacere. Il Sultano, non volendolo contrariare, lo lasciò in libertà, e partì

    con tutta la sua Corte. Dopo la sua partenza, il Re della gran Tartaria, vedendosi solo, si rinchiuse nel suo appartamento, e si pose ad una finestra che dava sul giardino.

     

    Un oggetto venne ad attirare la sua attenzione: una porta segreta del Palazzo del Sultano si aprì all’improvviso e ne uscirono venti donne, nel mezzo delle quali camminava la Sultana. Questa, credendo che il Re della gran Tartaria fosse anch’egli alla caccia, si avanzò colle sue donne fin sotto le finestre del di lui appartamento. Schahzenan s’accorse che le persone le quali accompagnavano la Sultana, per liberarsi da ogni soggezione, si scoprirono e deposero le lunghe vesti che portavano: ma quello che più d’ogni altra cosa lo meravigliò, si fu che scoprendo esservi in quella compagnia, da lui creduta composta tutta di donne, dieci mori, ognuno dei quali si accompagnò con la sua innamorata. La Sultana dal canto suo non stette lungamente senza compagno; ella batté le mani gridando: « Massoud! Massoud! » e tosto un altro moro discese dalla sommità di un albero, e corse a lei.

     

    Schahzenan vide troppo per giudicare che suo fratello non era meno infelice di lui. I trattenimenti di quella compagnia durarono fino a mezzanotte dopo di che, avendo ripigliate le loro vesti rientrarono per la porta segreta del Palazzo del Sultano.

     

    Queste cose, passate sotto gli occhi del Re della gran Tartaria, gli diedero agio di fare moltissime riflessioni.

    —  Quanta poca ragione avevo — egli diceva — di credere che la mia disgrazia fosse tanto singolare. Questa, senza dubbio, è l’inevitabile sorte di tutti i mariti.

    Così stando le cose perché dovrei lasciarmi consumar dall’affanno?

    Non se ne parli più; la memoria di una disgrazia tanto comune non disturberà d’ora innanzi il riposo della mia vita. Infatti, da quel momento egli tralasciò di affliggersi; si fece servire da cena, e tornò allegro.

     

    Quando seppe che il Sultano era di ritorno, gli andò incontro con aria giuliva. Il Sultano, che si credeva di trovarlo nello stato in cui lo aveva lasciato, restò meravigliato di vederlo tanto allegro.

     

    In the Harem, Gyula Tornai

     

    — Fratel mio, — gli disse — ringrazio il cielo del cangiamento felice operatosi in voi, ne provo una veraallegrezza; solo vi prego di volermene far conoscere la cagione.

    — Ebbene, fratel mio, giacché me lo comandate voglio soddisfarvi.

    Allora gli narrò l’infedeltà della regina di Samarcanda, e quando n’ebbe terminato il racconto:

    — Questo, — proseguì egli — era il motivo della mia tristezza; giudicate voi se avevo torto di abbandonarmivi.

    — Mio fratello, — esclamò il Sultano — che orrenda istoria mi avete narrata? Vi lodo di aver castigati i traditori che vi hanno fatto un oltraggio tanto sensibile.

    Non vi si potrebbe rimproverare quest’azione: essa è giusta, e per me vi confesso che in luogo vostro non avrei avuta forse la vostra moderazione. Io non mi sarei contentato di togliere la vita ad una sola donna; credo che ne avrei sacrificate più di mille alla mia rabbia. Oh cielo, io credo che un fatto simile non sia giammai accaduto ad altri fuorché a voi! Ma finalmente dovete lo dare il Cielo della consolazione largitavi: e siccome non dubito punto che questa non sia ben fondata, compiacete vi d’istruirmene, e fatemene una intera confidenza.

    — Voglio adunque obbedirvi giacché assolutamente lo volete. Temo peraltro che la mia obbedienza non vi abbia a cagionar maggior rammarico di quel che ne ho

    avuto io.

    — Ciò che mi dite — soggiunse Schahriar — non fa che stimolare la mia curiosità.

    Il Re di Tartaria, non potendo più oltre esimersi, fece allora una esatta relazione di quanto aveva veduto.

    — Come! — egli disse — la Sultana dell’Indie è capace di prostituirsi in una maniera cotanto indegna? No, o mio fratello, non posso credere ciò che mi dite, se non lo vedo coi propri miei occhi. Forse i vostri vi hanno ingannato.

    — Fratello mio — rispose Schahzenan — non avete che ad ordinar una nuova partita di caccia, e quando saremo fuori di città ci fermeremo sotto ai nostri padiglioni, e la notte ritorneremo soli nel mio appartamento.

    Sono sicuro che nel giorno seguente voi vedrete quello che io pure ho veduto.

    Il Sultano approvò lo stratagemma, e subito ordinò una nuova caccia.

    Nel giorno seguente i due Principi partirono con tutto il loro seguito. Giunsero al luogo stabilito e vi si fermarono sino a notte. Subito il Re della gran Tartaria ed il Sultano salirono a cavallo, passarono incogniti pel campo, rientrarono in città, e andarono al Palazzo che abitava Schahzenan. Non appena giunti, si appostarono alla finestra lanciando spesso sguardi verso la porta segreta.

    Quella finalmente s’aprì: e, per dir tutto in poche parole, la Sultana comparve colle sue donne, e dieci mori mascherati. Ella chiamò Massoud, ed il Sultano vide anche troppo per restare pienamente convinto della sua vergogna e disgrazia.

     

    — Ohimè! — esclamò egli — che orrore! La moglie di un sovrano quale son io esser capace di questa infamia? Dopo di ciò qual Principe si glorierà di esser perfettamente felice? Ah mio fratello — proseguì egli abbracciando il Re di Tartaria, — rinunciamo ambedue al mondo! La buona fede ne è bandita; se essa da una parte lusinga, dall’altra tradisce. Abbandoniamo i nostri Stati e tutta la magnificenza che ne circonda. Andiamo in terre straniere a menare una vita semplice e privata, occultando il nostro infortunio!

    —  Fratel mio, il mio volere dipende dal vostro. Sono pronto a seguirvi ovunque vi piacerà: ma promettetemi che noi ritorneremo, se troveremo qualcheduno

    più infelice di noi.

    — Ve lo prometto — rispose il Sultano.

     

    articoli_101_img09_ico

     

    Uscirono segretamente dal palazzo e s’incamminarono per una strada diversa da quella per la quale erano venuti. Camminarono tutto il giorno finché giunsero ad una vaga prateria situata in vicinanza del mare, nella quale vi erano qua e là grandi alberi fronzuti. Si sedettero sotto uno di quegli alberi per riposarsi e rinfrescarsi.

    Non era molto tempo che si riposavano, quando udirono molto vicino ad essi un terribile strepito che veniva dalla parte del mare, ed uno spaventevole grido che li riempì di terrore. Allora si aprì il mare e ne uscì come una nera e grossa colonna, che pareva andasse a nascondersi nelle nuvole.

    Quest’oggetto raddoppiò il loro spavento; prestamente si rialzarono, e salirono sulla cima di un albero, per meglio vedere di che si trattava. Non appena vi furono, osservarono che la nera colonna si accostava alla sponda rompendo le onde.

    Era questo uno di quei Genii che sono maligni, nocevoli e mortali nemici degli uomini. Era egli nero ed orrido, aveva la forma di un gigante, e portava sopra il suo capo una gran cassa di vetro, chiusa con quattro serrature di fino acciaio. Egli entrò nella prateria con quel carico, che andò a posare proprio a piè dell’albero ove erano quei due Principi, i quali conoscendo l’estremo pericolo su cui si trovavano si credettero perduti.

     

    Intanto il Genio si assise vicino alla cassa, ed apertala ne uscì tosto una donna ricchissimamente vestita, di un portamento maestoso e di una perfetta bellezza.

    Il mostro la fece sedere al suo fianco, ed amorosamente mirandola:

    — Donna — le disse — la più perfetta di quante sene sono ammirate per la loro bellezza; vezzosa creatura che ho rapita il giorno delle vostre nozze, e che di poi ho sempre amata costantemente, vorreste concedermi di riposarmi qualche momento vicino a voi!

     

    Ciò detto lasciò cadere il suo gran capo sopra le ginocchia della donna; poi, avendo allungati i suoi piedi, che si stendevano fino al mare, non tardò molto ad addormentarsi.

    La donna allora, alzò gli occhi, e vedendo alla sommità dell’albero i Principi, fece lor cenno di scendere. Il loro spavento fu grande allorché si videro scoperti. Supplicarono la donna con cenni, onde dispensarli volesse dall’obbedirla: ma essa, dopo aver pian piano levato il capo del Genio di sopra le sue ginocchia, lo adagiò leggermente a terra: ed alzatasi, disse loro con voce bassa,ma minaccevole:

    — Scendete, bisogna assolutamente che veniate da me. Essi scesero. Come furono a terra la donna li prese per mano, ed allontanatasi con loro alquanto sotto gli alberi, gli fece liberamente una proposta che quelli obbligò ad accettare. Ottenuto che ebbe quanto bramava, avendo osservato che ciascuno portava al dito un anello, glieli domandò. Appena avuti, andò a prendere un vasetto da un involto ove teneva la sua toeletta, e ne cavò un filo di altri anelli, e mostrandoli loro:

    —  Sapete — disse — ciò che queste gioie significano? Questi sono gli anelli di tutti coloro ai quali ho conceduto il mio affetto: sono novantotto. Io vi ho chiesto i vostri per la stessa ragione, ed affine di compiere il centinaio preciso. Ecco adunque, cento amanti che ho avuto finora a dispetto della precauzione e della sorveglianza di questo indiscreto Genio, che non mi abbandona mai.

    Egli ha un bel fare col rinchiudermi in questa cassa di vetro, e tenermi nascosta nel fondo del mare: io deludo sempre la sua vigilanza. Quando una donna ha stabilito un progetto, non vi è né marito, né amante che possa impedirne l’esecuzione. Molto meglio farebbero gli uomini a non contraddirle punto, poiché questo sarebbe il vero mezzo di renderle savie.

    Gabriel PICART by Catherine La Rose  (27)

    Ciò detto, infilzò i loro anelli cogli altri, e poscia sedutasi come prima, e sollevato i capo al Genio, che non si risvegliò, lo ripose sopra le sue ginocchia, accennando ai Principi di ritirarsi.

     

    Essi ripigliarono il loro cammino per dove erano venuti, e Schahriar disse a Schahzenan:

    — Ebbene, che ne pensate di quello che è accaduto? Il Genio non ha una innamorata molto fedele. E non convenite che nulla eguaglia la malizia delle donne?

    — Sì; — rispose il Re della gran Tartaria: — e voi pure dovete convenirne che il Genio è degno di maggior compatimento, è più infelice di noi. E poiché trovammo

    quel che ne faceva d’uopo ritorniamo nei nostri Stati.

    In quanto a me, so qual mezzo adoperare perché mi sia inviolabilmente serbata la fede che mi è dovuta. Un giorno saprete il mio segreto e sono sicuro che seguirete il mio esempio.

    Continuando a camminare, giunsero al campo sul finire della notte del terzo giorno della loro partenza.

    L’avviso del ritorno del Sultano essendosi divulgato, i cortigiani andarono di buon mattino al suo padiglione. Egli comandò loro di salire a cavallo, e ritornò subito al suo Palazzo.

    Come vi fu giunto corse nell’appartamento della Sultana, la fece legare alla sua presenza, e la diede in potere del suo gran Visir con ordine di farla strangolare.

    Lo sdegnato Principe non si contentò di questo, ché di sua propria mano recise il capo a tutte le donne della Sultana.

     

    Dopo questo rigoroso castigo, persuaso che non vi era una donna savia, per prevenire l’infedeltà di quelle che nell’avvenire piglierebbe, risolvette di sposarne una per notte e di farla poi strangolare il giorno seguente.

    Promulgata questa legge crudele, giurò di osservarla immediatamente dopo la partenza del Re di Tartaria, il quale, subito dopo congedatosi da lui, si pose in viaggio, carico di magnifici regali ricevuti.

     

    Partito Schahzenan, Schahriar non mancò di ordina re al suo gran visir di condurgli la figliuola di uno dei suoi generali dell’esercito. Il Visir obbedì. Il Sultano la ebbe seco, e nel seguente giorno rimettendogliela per farla morire, gli comandò che ne dovesse ricercare un’altra per la seguente notte. Il Visir gli condusse la figliuola di un cittadino della capitale: ed ogni giorno vi era una fanciulla maritata ed una donna morta.

    La fama di una tale inumanità cagionò una generale costernazione nella città, cosicché invece delle lodi e benedizioni, che sino allora erano tributate al Sultano, tutti i suoi sudditi non facevano che imprecare contro di lui.

    odalisca

     

    Il gran Visir, il quale era contro sua voglia ministro di sì crudele ingiustizia, aveva due figliuole: la maggiore delle quali si chiamava Scheherazade, e Dinarzade la più giovane. Quest’ultima non era senza meriti, ma l’altra aveva un coraggio superiore al suo sesso, uno spirito singolare ed una meravigliosa perspicacia.

    Essa aveva molto letto, ed era di una memoria prodigiosa. Aveva studiata la filosofia, la medicina, l’istoria, le belle arti, e componeva versi, meglio che i più celebri poeti del suo tempo. Oltre di ciò era ornata di una perfetta bellezza, ed una vera virtù coronava le sue belle qualità. Il Visir amava appassionatamente questa figliuola, veramente degna del suo amore. Un giorno incui si tratteneva insieme, ella gli disse:

    — Padre mio, devo chiedervi una grazia.

    — Io non ve la negherò — quegli rispose — purché sia ragionevole.

    — Ho in mente di fermare il corso di barbarie che il Sultano esercita sopra le famiglie di questa città.

    — La vostra intenzione è molto lodevole — disse il Visir — ma il male al quale volete porre rimedio mi pare irreparabile.

     

    —  Padre mio — disse Scheherazade — giacché per vostro mezzo il Sultano celebra ogni giorno un nuovo matrimonio, io vi scongiuro di procurarmi l’onore di essergli moglie.

    — Ohimè! avete voi perduta la ragione, o mia figliuola? Potete voi farmi una preghiera tanto pericolosa? Sapete a che vi esporrebbe il vostro zelo indiscreto?

    — Sì, o mio padre — rispose la figliuola — conosco tutto il pericolo al quale mi espongo. Se io perisco la mia morte sarà gloriosa: e se riesco nella mia impresa, renderò alla mia patria un importante servigio.

    — No, no — disse il Visir — qualunque ragione possiate produrre non pensate mai che io possa acconsentire alla vostra domanda.

    — Per questa sola volta, o padre mio — disse Scheherazade — concedetemi la grazia che vi chiedo.

    — La vostra ostinazione, — replicò il Visir — risveglia il mio sdegno. Perché mai volete correre alla vostraperdita? Chi non prevede il fine di una pericolosa impresa non ne può uscire con onore. Temo che non accada a voi ciò che successe all’asino che stava bene e non seppe contentarsene.

    —  Qual disgrazia accadde mai a quell’asino?

    — Chiese Scheherazade.

    — Son pronto a narrarvela, ascoltatemi

     

    48690

     

    L’asino, il bue e l’agricoltore

     

    Un ricchissimo mercante aveva il dono d’intendere il linguaggio degli animali, ma con questa condizione ch’egli non poteva a chi si fosse spiegarlo, senza esporsi

    al pericolo di perder la vita.

    Stavano alla stessa mangiatoia un bue ed un asino. Un giorno ch’egli era seduto vicino ad essi, udì che il bue diceva all’asino:

    — Quanto sei felice considerando il riposo che godie la poca fatica che si richiede da te? Un uomo con attenzione ti governa, ti lava, ti dà dell’orzo ben crivellato, e dell’acqua fresca e limpida. La tua maggior pena sta nel portare il nostro padrone quando deve fare qualche breve viaggio: senza questo passeresti tutta la tua vita nell’ozio. La maniera con cui vengo trattato io è molto diversa. Non appena è giorno vengo attaccato ad un aratro, che sono sforzato a trascinare tutto il giorno per rompere la terra: il che mi rende lasso in tal modo che qualche volta le forze mi mancano. Alla fine, dopo aver ben arato da mattina a sera, al mio ritorno mi viene

    appena dato da mangiare fave secche, non buone per seminare, o altra cosa di minorconto. Per colmo di miseria, quando mi sono pasciuto di questa robaccia, son obbligato di passare la notte nel mio letame. Vedi dunquese non ho ragione d’invidiare la tua sorte?

    L’asino non interruppe mai il discorso del bue, ma quando ebbe terminato di parlare, gli disse:

    — Voi non smentite il nome d’ignorante, vi ammazzate pel riposo e profitto di coloro che non ce ne sono grati per nulla. Non sareste trattato in tal maniera se il vostro coraggio uguagliasse la vostra forza. Quando l’agricoltore viene per attaccarvi all’aratro perché non fate resistenza? Perché non gli tirate delle cornate? Perché non dimostrate il vostro sdegno scalpitando coi piedi perterra? La natura vi ha somministrati i mezzi per farvi rispettare, e voi non ve ne servite. Vi si apprestano fave passite e cattiva paglia? Non ne mangiate. Odoratele solamente e lasciatele. Se voi seguite i consigli che vi do, vedrete ben presto una mutazione, della quale mi ringrazierete.

    — Caro asino — soggiunse il bue — non mancherò di prevalermi del consiglio datomi, e vedrete come me ne servirò.

     

    La mattina seguente sul far del giorno l’agricoltore andò a pigliare il bue, l’attaccò all’aratro e lo condusse all’ordinaria fatica

    Il bue, che non aveva dimenticato il consiglio dell’asino, si mostrò molto sdegnato quel giorno: e la sera,quando l’agricoltore lo ricondusse alla mangiatoia, seguì tutto l’artificio che l’asino gli aveva suggerito.

    Il giorno seguente l’agricoltore andò a ripigliarlo per ricondurlo al lavoro: ma ritrovando tuttavia la mangiatoia ripiena delle fave e della paglia che la sera gli aveva poste, lo credette gravemente ammalato, n’ebbe pietà, giudicando che sarebbe inutile condurlo al lavoro, andò subito a farne avvertito il mercante.

     

    Questi si accorse molto bene che i pessimi consigli dell’asino furono messi in pratica, e per castigarlo come meritava:

    — Vanne — disse all’agricoltore — poni l’asino al luogo del bue, in modo che ari in sua vece, e affaticalo bene.

     

    L’agricoltore obbedì. L’asino fu obbligato tirare l’aratro tutto quel giorno.

    Oltre di ciò ricevette tante bastonate che non poté reggersi in piedi al suo ritorno.

    Il bue frattanto era contentissimo. Aveva mangiato quanto vi era nella mangiatoia ed era stato in riposo tutto il giorno. Egli si rallegrava di aver fatto buon uso dei consigli del suo compagno e non trascurò di fargliene un nuovo complimento quando lo vide giungere. L’asino nulla rispose tanto era il dispetto che lo di vorava.

    — La mia sola imprudenza — diceva egli fra sé —mi ha cagionata questa disgrazia. Vivevo felice, tutto arrideva alle mie brame, aveva ciò che desideravo, ed è colpa mia se mi trovo in questo stato deplorabile; se non invento qualche astuzia per liberarmene, la mia perdita è certa. Nel dir ciò era talmente depresso di forze, che si lasciò cadere mezzo morto ai piedi della sua mangiatoia…

     

    etienne-dinet--au-bord-de-l-oued-----c.-devleeschauwer-32965_0x410

     

    A questo punto il gran Visir, voltandosi a Scheherazade, le disse:

    — Figliuola mia, voi fate appunto come quest’asino; vi esponete a perdervi a cagione della vostra imprudenza.

    — Padre mio — rispose Scheherazade — l’esempio che mi avete narrato non è capace a farmi mutar risoluzione, né tralascerò d’importunarvi finché non abbia ottenuto da voi d’esser presentata al Sultano.

    Vedendo il Visir che quella persisteva sempre nella sua richiesta, soggiunse:

    — Orsù, non volete recedere dalla vostra ostinazione? Sarò obligato di trattarvi nella maniera stessa con cui il mercante, del quale vi ho narrato, trattò sua moglie poco tempo dopo: e udite come:

     

    Questo mercante avendo inteso che l’asino si trovava in uno stato degno di pietà, ebbe curiosità di vedere ciò che passerebbe fra esso e il bue. Per il che dopo cena se ne uscì e andò a sedersi vicino ad essi in compagnia di sua moglie. Nell’arrivarvi udì l’asino che diceva al bue:

    — Compare, ditemi, ve ne prego, ciò che pretendete di fare quando l’agricoltore vi porterà domani da mangiare?

    — Ciò che farò? — rispose il bue — continuerò a fare quanto mi hai insegnato. Indietreggerò, presenterò le mie corna come ieri e farò l’ammalato.

    — Pensateci bene, — replicò l’asino — questo sarebbe il vero mezzo per morire, poiché nell’arrivar questa sera ho udito dire un certo non so che, che mi ha fatto tremare per amor vostro.

    — Ebbene, che avete voi udito? — disse il bue.

    — Il nostro padrone, — ripigliò l’asino — ha detto

    all’agricoltore: «Giacché il bue non mangia né può starein piedi, voglio che domattina sia ammazzato: noi ne faremo della carne salata.» Questo è quello di cui vi debbo avvertire — soggiunge l’asino — l’interesse che prendo per la vostra conservazione, mi obbliga ad avvertirvi ed a somministrarvi un nuovo consiglio.

     

    Subito che vi verranno apprestate le vostre fave e la paglia, alzatevi ed avvicinatevi sopra con avidità. Il padrone da ciò giudicherà che voi siete guarito e senza dubbio revocherà la sentenza di vostra morte.

    Questo discorso produsse l’effetto che si era proposto l’asino: il bue rimase stranamente confuso e muggì di spavento.

     

    Il mercante, il quale li aveva con molta attenzione ascoltati, proruppe in una gran risata, di modo che sua moglie ne restò stupefatta.

    — Istruitemi — gli disse — poiché con tanta forza ridete, affinché io pure rida in compagnia vostra.

    — Moglie mia appagatevi solo di sentirmi ridere.

    — No — replicò quella — voglio saperne la cagione.

    — Non posso — riprese a dire il marito — sappiate solamente ch’io rido di quanto il nostro asino ha detto al nostro bue. Il rimanente consiste in un segreto che non mi è concesso di rivelarvi.

    — E chi vi proibisce di palesarmelo — replicò essa.

    — Se ve lo dicessi, — egli rispose — mi costerebbe la vita.

    — Voi vi burlate di me — esclamò la donna; — ciò che mi dite non può esser vero.

    — Se voi in questo momento non mi palesate la cagione del vostro ridere, giuro pel gran Maometto che non conviveremo più insieme.

    Nel terminar queste parole essa rientrò in casa e si pose in un cantone. Il marito se ne stette solo nel letto, e la mattina vedendo che essa non cessava di lamentarsi:

    — Vedo benissimo — soggiunse il mercante — che non v’ha mezzo di farvi intender ragione; perciò vado a chiamare i vostri fanciulli; in modo che essi abbiano la consolazione di vedervi, prima che moriate.

    Egli fece venire i suoi figliuoli e spedì persona in traccia del padre e della madre e dei parenti di sua moglie.

    Il padre e la madre invano si affaticavano di persuaderla che la cosa che ella desiderava sapere era di niuna importanza.

    Il mercante stesso non sapeva più che dire e che fare. Solo, seduto vicino alla porta di casa, se ne stava a risolvere se dovesse sacrificar la sua vita per risparmiare quella di sua moglie che egli amava assassinio.

    Questo mercante aveva cinquanta galline ed un gallo con un cane che serviva loro di guardia. Nel mentre che se ne stava a sedere, e che profondamente pensava al partito da prendere, vide il cane correre verso il gallo, il quale si era avventato sopra una gallina, udì che gli parlava nei termini seguenti:

    — O gallo, la sorte non permetterà che tu viva lungo tempo. Non hai tu vergogna di fare oggi ciò che fai?

    Il gallo si rizzò sopra i suoi speroni, e voltandosi dalla parte del cane:

    — Perché mai — rispose egli fieramente — ciò mi verrebbe proibito oggi, piuttosto che gli altri giorni?

    — Sappi dunque — replicò il cane — che il nostro padrone è oggi in grande imbarazzo. Sua moglie vuole che le riveli un segreto, il quale è di natura tale che gli costerebbe la vita se lo manifestasse.

    Le cose sono in tale stato da temer ch’egli non abbia sufficiente costanza per resistere all’ostinazione di sua moglie, poiché egli l’ama ed è intenerito dalle lacrime che incessantemente ella sparge. Egli forse perirà.

    Noi tutti in questa casa ne siamo intimoriti. Tu solo, insultando alla nostra tristezza, tu, dico, hai l’impudenza di divertirti colle tue galline!

    Il gallo rispose nel seguente modo:

    — Quanto è mai insensato il nostro padrone! Egli non ha che una sola moglie, né può a sua voglia, dominarla: quando io ne ho cinquanta che eseguono puntualmente ciò che voglio io. Ch’esso consulti la ragione, e troverà subito il mezzo di uscire dall’imbarazzo nel quale è immerso.

    — E che vorresti ch’ei facesse? — disse il cane.

    — Che entri nella camera di sua moglie — rispose il gallo — e dopo di esservisi rinchiuso con lei, prenda un bastone e le dia un migliaio di bastonate; io tengo per certo che ciò fatto diventerà savia e non lo stimolerà più oltre per dirle ciò che non deve.

    Non appena il mercante ebbe udito quanto il gallo aveva detto, si levò dal suo luogo, e preso un grosso bastone, andò a ritrovare sua moglie, si rinchiuse con lei, e tanto fieramente la bastonò, che essa non poté a meno di esclamare:

    — Basta, o mio marito, basta! Lasciatemi, non vi chiederò più nulla!

    A queste parole conoscendo che essa si pentiva di essere stata tanto curiosa, lasciò di maltrattarla, aprì la porta, ed entrarono tutti i parenti i quali si rallegrarono di ritrovar la donna guarita dalla sua ostinazione, e fecero i loro complimenti al marito sopra il felice espediente del quale egli erasi servito per metterla alla ragione.

     

    images

     

    — Figliuola mia — soggiunse — meriteresti di essere trattata nella maniera stessa con cui fu trattata la moglie del mercante.

    — Padre mio — disse allora Scheherazade — di grazia non vi dispiaccia che io persista nei miei sentimenti: l’istoria di questa donna non può farmi mutar parere. Potrei io narrarvene molte altre per convincervi che non dovete opporvi ai miei sentimenti. Se il vostro amore paterno non vi facesse aderire alla mia preghiera, andrei da per me a presentarmi al Sultano.

    Il padre finalmente, stanco, si arrese alle sue brame, quantunque afflittissimo di non aver potuto distorla da una risoluzione tanto funesta, e andò nello stesso momento a trovar Schahriar per annunciargli che la prossima notte gli condurrebbe Scheherazade.

    Il Sultano restò molto meravigliato.

    — Come mai avete potuto risolvervi a mettere in mio potere la propria vostra figliuola?

    — Sire — gli rispose il Visir — ella si è offerta da sé stessa. L’infelice destino che l’attende non ha potuto intimorirla; ed essa preferisce, al suo vivere, l’onore di essere la sposa di Maestà Vostra.

    — Ma non vi lusingate, o Visir — ripigliò il Sultano;

    — domani riponendo nelle vostre mani Scheherazade pretendo che l’uccidiate. Se mancate, vi giuro che vi farò morire!

    — Sire, il mio cuore certamente si spezzerà dal dolore nell’obbedirvi: ma la Natura invano avrà a rimproverarmi, perché vi prometto una esecuzione fedele.

    Schahriar accettò la offerta del suo ministro, e gli disse che stava a lui di condurgli la figliuola quando gli piacesse.

    Il gran Visir andò a portare questa notizia a Scheherazade, la quale non pensò più ad altro che ad acconciarsi in modo da comparire nel miglior modo possibile alla presenza del Sultano, e prima di partire si ritirò in segreto con Dinarzade sua sorella, dicendole:

    — Cara sorella, ho bisogno del vostro soccorso in un affare importantissimo. Nostro padre sta in procinto di condurmi alla casa del Sultano per farmi sua sposa.

    Come sarò alla presenza del Sultano lo supplicherò di permettere che voi dormiate nella camera nuziale, acciocché io abbia ancora in quella notte il contento di godere della vostra compagnia. Se acconsentite, come spero, al mio desiderio, ricordatevi di svegliarmi domani un’ora avanti giorno, e dirmi presso a poco queste parole:

    «Sorella mia, vi prego, prima che spunti il vicino giorno, a narrarmi una delle belle novelle che voi sapete.» «Io subito ve ne racconterò una, e mi lusingo con tal mezzo di liberare il popolo dalla costernazione in cui si trova…

    Dinarzade le rispose che avrebbe eseguito quanto ella domandava. Giunta finalmente l’ora, di andarsene a letto il Gran Visir condusse Scheherazade a Palazzo, e dopo averla introdotta nell’appartamento del Sultano siritirò. Questo Principe, appena si vide solo con lei, le comandò di scoprirsi il viso. Egli la trovò tanto bella che ne rimase incantato: ma osservando che quella si struggeva in pianto gliene ricercò la cagione.

    — Sire — rispose Scheherazade — ho una sorella che amo teneramente e da cui sono egualmente corrisposta; bramerei che ella passasse la notte in questa camera per goder la consolazione di vederla, e per darle l’ultimo addio. Volete voi che io abbia il contento di darle quest’ultima prova del mio amore?

    Schahriar avendovi acconsentito, andò in traccia di Dinarzade. Il Sultano si pose a letto con Scheherazade sopra uno strato molto alto, all’usanza dei monarchi orientali, e Dinarzade sopra un letto che le era stato preparato a piè dello strato.

     

    36833210_ARWYBCCTJ

    Un’ora prima del giorno, essendosi Dinarzade svegliata, non aveva trascurato di adempiere a quanto le aveva raccomandato sua sorella.

    — Sorella mia cara — esclamò essa — vi prego, prima che apparisca il giorno di narrarmi una delle novelle che sapete.

    Scheherazade invece di rispondere a sua sorella, si voltò al Sultano, a cui disse:

    — Sire. Vostra Maestà vuole concedermi che io dia questa soddisfazione a mia sorella

    — Ben volentieri — rispose il Sultano.

    Allora Scheherazade disse a sua sorella di prestarle attenzione: e rivoltasi quindi a Schahriar diede principio alla narrazione della prima novella, la quale, non essendo

    terminata collo spuntar del sole, fu però capace d’interessare tanto la curiosità del Sultano, che le permise lasciarla dire il giorno appresso, e così interrottamente di Novella in Novella poté la Favorita, col suo stratagemma, invogliare quel Sire ad ascoltarla per mille e una notte.

    Leggi qui i racconti di Scheherazade

    Scrivi un commento